FANDOM


226-1

Il batterio Halomonas titanicae, al microscopio.

Halomonas titanicae è un batterio, scoperto da Henrietta Mann (della Dalhousie University di Halifax), Cristina Sánchez-Porro e Antonio Ventosa (entrambi dell'università di Siviglia), che risiede nella ruggine del relitto del Titanic. La sua scoperta, avvenuta nel dicembre 2010, ha gettato ulteriori dubbi sull'esito del relitto nei prossimi decenni.

Effetti

Studiato per anni grazie ad un campione prelevato nel 1991 da un "rusticle" (una struttura simile ad una stalattite e costituita da ruggine) posto sullo scafo, questo batterio aderisce alle superfici di acciaio, causando rapidi processi di corrosione. Il batterio reagisce molto bene al vecchio scafo del Titanic, creando quelle formazioni rugginose che possono essere osservate oggi. I ricercatori, sequenziando il DNA dell'Halomonas titanicae, hanno scoperto che questo microrganismo racchiude esseri viventi che amano particolarmente situazioni di alta salinità, tanto che riescono a sopravvivere nelle fredde acque. Questi "rusticles" sembrano essere strutture solide ma in realtà sono altamente porose e l’acqua può passare; inoltre ospitano una varietà di batteri, che potrebbero fornire il loro contributo nella corrosione del metallo. Ciò determina il disintegrarsi, in una polvere fine, di queste stalattiti di ruggine.

226-2

Alcuni "rusticles" sullo scafo del Titanic, habitat ideale del Halomonas titanicae.

Opinioni sull'esito del relitto

Gli scienziati hanno dichiarato che: "Non sappiamo ancora se questa specie è arrivata a bordo del Titanic prima o dopo che esso è affondato o se è un filo unico a quel particolare relitto".
"Forse tra 15-20 anni, il Titanic sarà una macchia di ruggine", ha sentenziato Henrietta Mann, una delle tre scopritrici dell'Halomonas titanicae.

Dan Conlin, curatore della storia marittima del Maritime Museum of the Atlantic di Halifax, che ospita una mostra permanente dedicata al Titanic, è più ottimista. "È troppo presto per stabilire quando resisterà ancora il relitto. Gli scienziati hanno individuato le specie batteriche che lo stanno erodendo, ma non hanno fatto una previsione precisa del tempo che gli resta ancora da vivere. Al momento sono solo ipotesi". La fine del Titanic, comunque, non lo preoccupa. "Ci vorrà ancora molto tempo prima che venga completamente distrutto. E forse quando succederà sapremo già tutto quello che c’è da sapere sul TITANIC. Comunque il relitto è già stato studiato e documentato a fondo e sopravvivrà ancora abbastanza a lungo per continuare ad approfondire gli studi". Il Maritime Museum of the Atlantic, va ricordato, possiede la più vasta collezione al mondo di reperti in legno del Titanic, portati in superficie dalla corrente e recuperati dalle navi che per settimane cercarono i corpi della vittime nell'area della tragedia.

Il Maritime Museum of the Atlantic conserva, inoltre, l’unico esemplare esistente delle sedie che si trovavano sul ponte della nave e che, come ha specificato il curatore, è stato oggetto di studio da parte di molti scienziati, compresi quelli della Dalhousie University.
226-3

Unica sedia a bordo del Titanic giunta sino ad oggi, conservata al Maritime Museum of the Atlantic.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.